Gradisca 20 ottobre 2018 contro i CPR

strisicone no CPR manifestazione 20 ottobre 2018OTTIMA PARTECIPAZIONE ALLA MANIFESTAZIONE DI OGGI 20/10/2018 A GRADISCA. Ridicolo l’atteggiamento del PD locale che ha dichiarato di “aderire alla manifestazione”. Ma se la legge che crea i CPR è stata firmata da Minniti e Orlando ! (d’altra parte i CIE erano stati costituiti con legge Turco-Napolitano)

Annunci
Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato | Lascia un commento

RIFIUTO LA GUERRA: uno spettacolo di Piero Purini

Di fronte alle becere celebrazioni sulla fine dell'”inutile strage che disonorò l’Europa” (I Guerra Mondiale) segnaliamo lo spettacolo curato dallo storico Piero Purini, riproponendo un’intervista già comparsa sul blog Antiwarsong

Migliaia e migliaia di uomini provarono ad evitare la guerra: chi cercando di resistere alla montante esaltazione patriottica e alla propaganda bellicista, chi cercando semplicemente di sfuggire al fronte attraverso la diserzione o la renitenza, chi ancora rifiutando di eseguire gli ordini ed ammutinandosi. E’ una storia poco conosciuta e nascosta, come nascosti dalla propaganda dell’epoca furono le terribili condizioni dei giovani che vennero mandati a morire nelle trincee, gli episodi di fraternizzazione tra nemici, le rese di massa, le decimazioni e le esecuzioni “pour l’exemple”, il destino postbellico dei mutilati e degli “scemi di guerra” segue

Pubblicato in Antimilitarismo, Internazionalismo, Storia | Contrassegnato , | Lascia un commento

ebrei nella grande guerra, “inutile strage” e Shoah: un tragico equivoco

Al Binario 21 di Milano, il memoriale della Shoah costruito nel luogo dove venivano riempiti i vagoni piombati per Aushwitz è stata allestita la mostra “1915-1918. Ebrei per l’Italia” a cura del CDEC.

Mostra come gli Ebrei italiani, perfettamente inseriti nella comunità nazionale, si siano divisi tra neutralisti ed interventisti (come il resto dei loro compatrioti) per poi andare coraggiosamente a farsi scannare “per la patria”, ammazzando, quando capitava, pure gli Ebrei austriaci.

Parecchio spazio viene dedicato anche agli Ebrei triestini. Colpisce vederetra gli altri il dott. Weiss (padre della psicoanalisi in Italia immortalato da Svevo) in divisa austriaca.

Quello che la mostra vuole sottintendere è “l’Italia, con le leggi razziali fu matrigna nei confronti degli Ebrei che si erano sacrificati per lei”. QUALE SPAVENTOSA MIOPIA !

NON SI RENDONO CONTO, I CURATORI DELLA MOSTRA, CHE FU PROPRIO IL DELIRIO BELLICISTICO DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE A GENERARE IL FASCISMO, IL NAZISMO ED – INFINE – LO STERMINIO STESSO DEGLI EBREI ?

SOLO LA CONDANNA DELL’IMPERIALISMO, DEL MILITARISMO E DEL NAZIONALISMO PUO’ IMPEDIRE IL RITORNO DEI MOSTRI RAZZISTI DEL PASSATO !

Pubblicato in Antifascismo, Internazionalismo, Italiani brava gente ?, Storia | Lascia un commento

IL RAZZISMO DI SALVINI E QUELLO DI SÁNCHEZ

A fronte della vergognosa offensiva razzista di Salvini capita spesso di sentire, da parte di qualche incauto militante “di sinistra”, elogiare la politica di accoglienza spagnola.

È questo un entusiasmo che andrebbe molto stemperato. Il governo di Pedro Sánchez che l’11 giugno ha accolto in pompa magna i 630 migranti trasportati dall’Aquarius e respinti da tutti i paesi europei è lo stesso che usa regolarmente il pugno di ferro nei confronti dei profughi provenienti dal Marocco.
La Spagna fa infatti ampio uso di un accordo siglato col Marocco nel lontano 1992 che prevede il respingimento senza troppe formalità entro 10 giorni dei profughi provenienti dal paese africano. La stampa locale le chiama espulsioni espresso visto che possono concludersi in 24 ore (e il governo ne difende la legittimità davanti alla Corte di Strasburgo).
Il Marocco non è certo la Libia (devastata dalla guerra civile) ma risulta comunque difficile definirlo un “porto sicuro”, visto che è governato da una monarchia (di fatto) assoluta conosciuta per i suoi feroci metodi repressivi. Continua a leggere

Pubblicato in Internazionalismo, migranti, Repressione | Lascia un commento

Contro le frontiere e contro i Centri di Permanenza per il Rimpatrio (CPR)

CPR (Centro di Permanenza per il Rimpatrio) è l’ultimo dei tanti nomi (CPTA, CPT, CIE) dati alle strutture detentive per migranti irregolari istituite nel 1998 dalla Legge Turco-Napolitano.

Il decreto Minniti-Orlando 13/2017 (poi Legge 46/2017) prevede l’apertura di un CPR per regione. In FVG, dovrebbe essere riaperta la struttura di Gradisca d’Isonzo, ex caserma convertita in CIE nel 2006 e chiusa nel 2013, grazie alle rivolte di chi vi era rinchiuso.

Ufficialmente, il CPR è un luogo di detenzione amministrativa in cui sono costrette in stato di reclusione persone non comunitarie che vengono ritrovate prive di documenti regolari di soggiorno oppure già destinatarie di un provvedimento di espulsione, in quanto prive di permesso di soggiorno, perché scaduto o perso. Spesso le persone diventano irregolari perché scade il visto turistico o di studio, perché perdendo il lavoro perdono anche il permesso di soggiorno o perché si sono viste rigettare la richiesta di asilo politico continua a leggere su https://nofrontierefvg.noblogs.org/

Pubblicato in Antifascismo, Internazionalismo, lavoro precario, Repressione | Contrassegnato , | Lascia un commento

Non è che odi Ada Colau, è che ho buona memoria e poca fiducia

La sindaca di Barcellona Ada Colau è diventata un’icona di certa “sinistra” nostrana. Meritatamente ? Proprio no ! per sfatare questo mito (di quanti altri Tzipras abbiamo bisogno ?) riproponiamo questo  documentato post pubblicato sul blog Barnaut.org a luglio 2018 (al link il testo originale)

Non è che odi Ada Colau, è che ho buona memoria e poca fiducia
Da
CompagnoV –
luglio 16, 2018

Siamo ormai alla fine di questa stagione, all’inizio delle vacanze e possiamo fare una valorazione di questo anno nella sua complessità. Abbiamo ricevuto alcune critiche, piú o meno fondate, su come abbiamo trattato il modo di funzionare della giunta Colau. Ora io non posso rispondere per tutti, mi posso solo limitare a dare la mia opinione.

Partiamo dalla base. Non è che io odi politicamente o personalmente Ada Colau. É che ho buona memoria e poca fiducia.Tutto qui.

La Giunta Colau non è un gruppo di amici dei movimenti sociali che un giorno, tra una birra in lattina per strada e una paella vegana in centro occupato, hanno deciso di organizzare un partito assembleario, vincendo da soli contro tutt i vecchi partiti che per anni hanno governato questa città. Sarebbe romantico, e in parte falso, vedere la storia in questo modo. Continua a leggere

Pubblicato in Internazionalismo, lotte sociali | Contrassegnato | Lascia un commento

Trieste: il ritorno delle leggi razziali

Incredibile ma vero. A Trieste il Comune ha negato la sala per una mostra sulle leggi razziali realizzata dal Liceo “Petrarca”.

Il motivo ? Non piaceva la locandina ! Tutti i giornali ne parlano, il TG regionale tace.

VERGOGNA |

La Repubblica

Il Piccolo

Trieste prima

ANSA

CONTRORDINE CAMERATI ! di fronte alla levata di scudi dell’opinione pubblica il sindaco fa marcia indietro e concede la sala, penose le giustificazioni! Lo ripetiamo: VERGOGNA !

 

Pubblicato in Antifascismo, Italiani brava gente ? | Lascia un commento