Il colpo di Stato di Mattarella

Quello a cui abbiamo assistito ieri, con il licenziamento preventivo del governo Conte, è stato (tecnicamente parlando) un vero e proprio colpo di Stato legale.

Il Presidente, usando ed abusando dei suoi poteri, ha ancora una volta certificato l’illusorietà della democrazia formale.

Potete votare per chi volete, è il succo del messaggio, ma chi viene eletto dovrà comunque supinamente seguire le direttive dell’alta borghesia e della finanza internazionale.

Lo stesso scenario cui abbiamo assistito a suo tempo con la cacciata di Berlusconi per sostituirlo col più presentabile Monti oppure in grecia con la metamorfosi del “sinistro” Tsipras in paladino della BCE…

Tutto questo non ci sorprende. Ancora una volta si dimostra che non è il voto ma la lotta che decide. Un altro mondo è possibile. Ma deve essere costruito con l’autoorganizzazione dal basso !

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

I Balilla tornano a Udine ?

Un lettore scrive al Messaggero veneto:
“Gentile Direttore,
concordo con le dichiarazioni del sig. Velliscig secondo cui il Jazz ha l’antifascismo nel DNA. Infatti il regime proibì questa musica, considerata “degenerata” e “negroide”. Tuttavia proprio per questo non abbandonerei il campo…
Non vorrei infatti che la principale attività culturale di Udine diventasse l’adunata dei Balilla in piazza Umberto I (pardon: piazza I Maggio)… […]

C’è di che riflettere…

Pubblicato in Antifascismo, Storia | Lascia un commento

l’occupazione dell’Etiopia e le responsabilità della Chiesa

Un articolo di Antonio Cataldi coraggiosamente (è il caso di dirlo) pubblicato sul numero di marzo 2018 della rivista dei missionari comboniani NIGRIZIA scoperchia un tema finora poco analizzato: le responsabilità della Chiesa cattolica nel puntellare l’occupazione fascista dell’Etiopia.

E’ ben nota sul piano storiografico la stretta connessione tra la cosiddetta “età dell’Imperialismo” (1870-1914) e il contemporaneo sviluppo dell’attività missionaria delle varie chiese. In questo senso aveva visto bene l’imperatore d’Etiopia Teodoro quando, intorno al 1863, dichiarava al console francese “Conosco i metodi dei governi europei allorché desiderano ottenere un paese  orientale, prima mandano avanti i missionari, poi i consoli a sostegno dei missionari ed infine i battaglioni in appoggio ai consoli” (1).

Nel caso dell’occupazione fascista dell’Etiopia l’atteggiamento del Vaticano fu, ovviamente, di pieno appoggio. Non erano in questione solo i rapporti (allora idilliaci) tra le gerarchie ecclesiastiche e la dittatura ma sprattutto la possibilità di “evangelizzare” vastissimi territori annettendosi possibilmente la locale chiesa copta, caratterizzata da una millenaria indipendenza (2). Continua a leggere

Pubblicato in Italiani brava gente ?, Storia | Lascia un commento

i bombardamenti fascisti (italiani) sulla Catalogna

Tra i tanti crimini di guerra commessi dal regime fascista il più dimenticato è sicuramente la serie di bombardamenti sulla popolazione inerme compiuti dall’aviazione italiana durante la guerra civile spagnola.

E’ noto l’appoggio dato da Hitler e Mussolini alla sollevazione militare contro il governo repubblicano nel luglio 1936. Senza il ponte aereo realizzato dall’aviazione tedesca e italiana il generale Franco non avrebbe potuto trasferire le sue truppe in Spagna.

Ma l’appoggio ai generali ribelli andò ben oltre. Si calcola che Mussolini abbia inviato in Spagna complessivamente circa 80.000 legionari (guidati inizialmente dal gen. Roatta), mentre la Germania inviò un contingente ridotto (la Legione Condor) dotato però di armamenti modernissimi.

E’ noto a tutti il micidiale bombardamento di Guernica, immortalato da Picasso, messo in atto da bombardieri tedeschi il 26 aprile 1937. Le vittime furono circa 1.600, oltre un migliaio i feriti, secondo le stime del governo basco. Ma quanti sanno che i bombardieri tedeschi erano scortati anche da caccia italiani ? Continua a leggere

Pubblicato in Italiani brava gente ?, Storia | Contrassegnato , , , | 1 commento

Udine: mostra Catalogna bombardata 5 febbraio – 4 marzo 2018

TRA I TANTI CRIMINI COMPIUTI DAL FASCISMO UNO DEI PIU’ DIMENTICATI E’ LA SERIE DI BOMBARDAMENTI COMPIUTI SULLA POPOLAZIONE CIVILE DURANTE LA GUERRA CIVILE SPAGNOLA.

UNA MOSTRA A UDINE LI RICORDA.  l’immagine sul manifesto mostra il muro della chiesa di S. Filippo Neri a Barcellona, dove trovarono la morte 42 persone (quasi tutti bambini) a causa del bombardamento italiano del 30 gennaio 1938.

 

Pubblicato in Italiani brava gente ?, Storia | Contrassegnato | Lascia un commento

GORIZIA: venerdì 16 dicembre 2017 NESSUNO/A E’ ILLEGALE

NUOVO CONCENTRAMENTO: PIAZZA S. ANTONIO GORIZIA ORE 15,00

GORIZIA16A3web

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Udine 22 novembre 2017: presentazione del libro di Eulàlia Vega, Pioniere e rivoluzionarie. Donne anarchiche in Spagna

Mercoledì 22 novembre presso la libreria Moderna Udinese , via Cavour in centro a Udine verrà presentato, alle ore 17,30, il libro di Eulàlia Vega, Pioniere e rivoluzionarie. Donne anarchiche in Spagna (1931-1975), Zero in condotta, 2017. Una ricerca molto interessante che ricostruisce la biografia di diverse militanti operaie anarchiche dalla proclamazione della repubblica (1931) alla morte di Franco (1975) passando attraverso guerra civile, rivoluzione, resistenza interna alla dittatura, esilio.

L’iniziativa è promossa dall’Istituto friulano per la storia del movimento di liberazione di Udine

Un momento della presentazione a Udine

Un momento della presentazione a Udine

Pubblicato in Storia | Lascia un commento